A Serdiana una cantina, casa campidanese

C’è sempre una rosa a custodire un filare di vite. Basta saper osservare. E ascoltare ciò che racconta questo luogo magico. Chi raggiunge la cantina di Antonella Corda, giovane e appassionata vignaiola di Serdiana, dovrà avere sana curiosità e voglia di emozionarsi per entrare in piena sintonia con i profumi e le armonie dei preziosi vini che produce. Inaugurata ufficialmente a fine maggio, la cantina domina l’azienda agraria che si estende su 40 ettari di terreno: 15 sono riservati al vigneto, 12 invece coltivati come oliveto lungo la collina, e i restanti seminativi.
La cantina si estende per 500 metri quadri e la sua struttura architettonica è un omaggio di Antonella Corda alla sua terra. La costruzione richiama quella della casa rurale campidanese. È stata progettata e realizzata con la volontà di avere un impatto minimo sul paesaggio, obiettivo che lei persegue su più fronti: il terreno coltivato a vite è in conversione biologica, si stanno inoltre realizzando dei sistemi per il riutilizzo delle acque ed è in progettazione l’impianto fotovoltaico. I vini di Antonella Corda, Nuragus di Cagliari doc, Vermentino di Sardegna doc e Cannonau di Sardegna doc, non solo sono una piena espressione del territorio e della tradizione vitivinicola di Serdiana, ma raccontano tutta la passione e il carattere della giovane agronoma fondatrice della cantina. Tre splendidi vini di spiccata eleganza e delicatezza, senza sbavature e di una complessità aromatica spontanea come la macchia mediterranea, intensa, di queste colline.

Riferimenti:
Autore: R. R.
Articolo: Antonella Corda, eleganza e armonie di Vermentino, Nuragus e Cannonau. A Serdiana una cantina, casa campidanese
Giornale: L’Unione Sarda del 01 giugno 2018